Benedetta Bruzziches: favole made in Italy

bags made in italy

Succede che su Instagram, seguendo gli amici, scopri cose bellissime: posti da visitare, ricettine da provare, nuovi contatti e tanti snapshot meravigliosi. E poi trovi in una foto un accattivante e bizzarro accostamento: una borsa, una clutch dal gusto inedito nei toni del rosa, con un paio di Superga rosse. Non potevo non indagare!!! Ho scoperto così Benedetta Bruzziches e la sua collezione P/E 2014.

pochette clutch handbag

BB_ss2014_099

BB_ss2014_112

La collezione P/E 2014 è un concentrato di magia! “Le borse, al servizio delle donne, si trasformano in  talismani del pensiero positivo capaci di far riflettere ed emozionare e riportarci da eroine in quelle favole che ci hanno colorato l’infanzia ed emozionato il cuore”, dice Benedetta, ventisettenne originaria di Caprarola, che ha vissuto tra Roma, Milano, Cina, Brasile e Viterbo.  “Io dentro ci metto tutto quello che ho, fantasia, rispetto, musica e poesia – quel tanto che serve per vivere al meglio la favola di ogni giorno.” E per vivere la favola possiamo cominciare da una vasta scelta di borse che Benedetta, con il suo marchio, ha realizzato.

Tracolline in seta effetto capitonné con tracolle in maglia rettangolare: ogni dettaglio è perfetto e curato.

Le mini ceste in pelle intrecciata, nei toni oro, rame e nero o azzurro cielo e giallo sole, annunciano un’estate davvero sensuale e ricercata.

BB_ss2014_002(1)

Aprendo una delle originalissime borse cabaret, in resina soffiata, troverete questo messaggio “Remember to dream big”…e ritorna così il concetto di favola caro a Benedetta.

cabaret bags BB_ss2014_163

benedetta bruzziches

BB_ss2014_105

Entrare nel suo studio è come precipitare in una favola.

Vi trovate di fronte uomini di legno, vecchie lavagne, libri di favole e poesie, armadi accatastati e tutti quei personaggi che di notte, in cucina, si animano e fanno baldoria! “Non mi capita spesso di disegnare una collezione, io di solito le borse le scrivo, le racconto. Più che di materiali, mi piace parlare di storie, di forme e di personaggi. La collezione è quasi secondaria, è la storia che la rende bella.” B.B.

Siete curiosi di sapere qual è la borsa di cui vi parlavo all’inizio? Eccola, la borsa cabaret è questa, e sull’account Instagram di Benedetta trovate la foto che mi ha acchiappata!!!

cabaret bag benedetta bruzziches

E voi? In quale favola vi riconoscete?

www.benedettabruzziches.com

facebook

twitter

instagram

Rispondi a Giò Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d bloggers like this: